Che cos'è la due diligence?

La valutazione immobiliare si compone di molteplici aspetti che, se trascurati, porterebbero ad una stima errata. Li spiega un nuovo volume dedicato al tema

 

La due diligence immobiliare consiste in un'indagine finalizzata alla valutazione complessiva di un immobile. Costituisce quindi una delle attività più importanti per individuare i punti di forza e di debolezza del patrimonio o di un edificio oggetto di una possibile transazione. Il volume "Due Diligence Immobiliare" (V. Acunto, J.P. Grammaldo, DEI, 2012) analizza le numerose tipologie esistenti di due diligence immobiliare.

 

 

La valutazione si compone, infatti, di almeno tre aspetti. In primis vi è quello tecnico-progettuale, ossia la verifica della rispondenza dello stato alla planimetria depositata, con l'individuazione di eventuali abusi, condoni e sanatorie. E' necessario prestare attenzione anche alla consistenza della qualità e dello stato dell'edificio, con relativa valutazione dei costi e dei tempi necessari all'adeguamento dell'immobile tra riparazioni, rifacimenti, cambio d'uso o riqualificazione, nonchè la messa a norma dell'impiantistica. Secondo aspetto è quello economico: una due diligence deve valutare l'immobile in relazione all'uso attuale e potenziale, alla location e all'andamento del mercato di riferimento, con opportune distinzioni tra residenziale, terziario, commerciale o industriale. Infine, non bisogna tralasciare l'aspetto legale-documentale: il valutatore deve verificare la documentazione relativa all'immobile, come atto di provenienza e visure catastali, ed esaminare le trascrizioni pregiudizievoli quali ipoteche volontarie e gudiziali o contratti in atto, come ad esempio una locazione.

 

 

Nella valutazione di un patrimonio immobiliare, così come in quella di un singolo bene immobile, capita frequentemente di incorrere in difficoltà di notevole portata circa la disponibilità di informazioni inerenti lo stato di fatto in vista di una potenziale acquisizione. Una situazione di questo tipo determina inevitabilmente svantaggi e lungaggini che possono portare a risoluzioni contrattuali. Per questi motivi la due diligence apparirà sempre più indispensabile per impostare e gestire correttamente la valutazione di un immobile, al fine di ottenere tutte le informazioni necessarie e garantire all'acquirente la migliore conclusione possibile delle trattative in essere.

 

 

 

Fonte QuotidianoCasa.it