Censimento impianti termici

Nel futuro prossimo il principale ente di riferimento per gli impianti termici sarà il Catasto degli Impianti, presente ed attivo in ogni regione italiana.

 

Nell'immediato futuro, il principale ente di riferimento per gli impianti termici sarà costituito dal catasto degli impianti, che dovrà essere presente ed attivo in ogni regione del nostro paese: ad esso dovranno essere denunciati tutti gli impianti termici.

Nel caso dei condomini con centrale termica, è l'amministratore il responsabile degli impianti stessi, e spesso accade che come responsabile possa essere nominata anche un'altra persona (terzo responsabile) a mezzo di una delega per iscritto redatta dall'amministratore. In ogni caso, il responsabile dell'impianto deve trasmettere ai vari enti la sua nomina, le sue responsabilità e le eventuali variazioni delle caratteristiche dell'impianto nel tempo.

 

 

Catasto impianti termici

I riferimenti legislativi a cui fa riferimento il catasto termico sono:
Legge n. 10 / 1991, Decreto Presidente Repubblica n. 412 / 1993, Decreto Presidente Repubblica n. 551/1999, Decreto Legislativo n. 192 / 2005 con le relative successive modifiche ed integrazioni.
Le finalità del catasto termico sono quelle di mappare gli impianti termici per territorio, classificare gli stessi impianti in funzione dell'età media e delle condizioni dei generatori termici quali caldaie, scaldabagni e pompe di calore.

Altra finalità del catasto termico è quella di portare alla luce gli impianti e le centrali termiche che non sono in regola, in modo da incrementare la sicurezza attraverso i necessari controlli periodici.

I controlli, oltre che per la sicurezza, sono necessari anche per il risparmio energetico e per la riduzione delle immissioni di sostanze inquinanti in ambiente.

Quasi tutte le regione italiane, in quest'ultimo anno, hanno dato il via, con appositi decreti, alle procedure necessarie per attivare i catasti termici, tuttavia molte di esse ancora non hanno una normativa specifica di riferimento; ciò nonostante resta l'obbligo dei proprietari degli immobili, degli amministratori di condominio o degli eventuali soggetti terzi responsabili, di provvedere alle operazioni di periodici controlli e manutenzione degli impianti e delle centrali.

I controlli e le manutenzioni devono essere sempre effettuate da parte di tecnici autorizzati secondo il Decreto Presidente Repubblica 412/93 con le relative successive modifiche e integrazioni.

 


Informazioni sugli impianti censiti

Le principali informazioni che caratterizzeranno un impianto registrato presso un catasto termico sono legate alla sua storia e sono: il luogo di ubicazione, i soggetti responsabili, le ditte per la manutenzione e l'installazione, i documenti compilati dagli utenti, i rapporti di ispezione, gli eventuali provvedimenti segnalati ai controlli e lo stato della loro attuazione.

I sistemi del catasto degli impianti offriranno la possibilità di trasmettere e ricevere dati via telematica, analogamente a quanto fa il ben più famoso catasto per gli edifici. Ricordiamo che un altro ente di riferimento per gli impianti termici e le centrali termiche, al quale gli stessi impianti devono essere denunciati, è l'ex ISPESL (Istituto Superiore per la Sicurezza e la prevenzione degli infortuni sul Lavoro) integrato da qualche anno nell'INAIL.

 

 

Censimento impianti tecnologici e ambiente

Il censimento degli impianti tecnologici è un fenomeno che per gli impianti termici sta proseguendo lentamente da diversi anni, mentre si è sviluppato rapidamente per gli altri tipi di impianti.

Ad esempio il censimento degli impianti fotovoltaici, attraverso il sistema TERNA, è stato realizzato per tutto il Paese in pochissimo tempo, senza contare che la registrazione di un impianto a tale sistema costituisce un elemento fondamentale per permetterne l'accesso al meccanismo degli incentivi.

Si osserva che per tutti i tipi di impianti tecnologici il censimento ha una notevole importanza dal punto di vista dell'impatto ambientale.
Infatti, in tutta Europa il consumo energetico degli edifici è giustamente considerato una delle principali fonti di emissione di sostanze inquinanti.

Di tale energia circa la metà è consumata dai servizi interni agli edifici, in essi circa il 90 % dell'energia è utilizzata per la climatizzazione estiva ed invernale oltre che alla produzione di acqua calda.

I sistemi di censimento con la raccolta dei dati descritti permetteranno, con pochi click, di verificare in pochi istanti lo stato di efficienza e di inquinamento degli impianti registrati.

 

 

 

dell'Ing. Vincenzo Granato fonte LavoriinCasa.it