Certificazione energetica: solo il 53% degli immobili in vendita è in regola

Ancora peggio per gli affitti: certificato appena il 37% dell’offerta. Eppure il 24% di chi cerca casa seleziona in base ai consumi. Ecco i risultati dell’indagine di Immobiliare.it

 

L'OBBLIGO NON RECEPITO - È passato poco più di un anno e il bilancio è impietoso. Dal primo gennaio 2012, infatti, l'obbligo della certificazione energetica degli edifici in vendita o in affitto è legge anche in Italia, ma secondo un'analisi di Immobiliare.it, solo il 53% degli annunci di vendita e appena il 37% di quelli in affitto è in regola. L'attestato di classificazione energetica (Ace) è uno strumento di trasparenza molto importante per il consumatore perché offre la possibilità di conoscere, prima ancora di acquistare l'immobile, quanto incideranno i consumi energetici nella gestione dell'immobile, ma purtroppo in pochi lo sanno.

 

LA CERTIFICAZIONE VALIDA - Lo confermano i numeri: sugli oltre 60mila annunci in mano ai privati presi in considerazione nell'analisi, solo l'11% ha una certificazione valida. La percentuale sale al 46% per gli annunci gestiti da agenzie immobiliari indipendenti, al 58% per quelli gestiti da intermediari affiliati a grandi gruppi (dotati di sistemi di certificazione dalle sedi centrali) e addirittura al 97% per quelli proposti direttamente dai costruttori per i quali, però, la certificazione energetica è un obbligo fin dalla fase progettuale.

 

L'INQUINAMENTO - L'Ace viene redatto a seguito dell'analisi degli indici di prestazione energetica del sistema di raffrescamento, di riscaldamento e di produzione di acqua dell'immobile: in breve, un edificio classificato in buona classe energetica (A+, A e B) avrà elevata efficienza energetica e consumi più bassi, uno in classe G sarà molto più inquinante e comporta costi di gestione più alti. Secondo una stima del Ministero dello Sviluppo Economico, agli immobili presenti in Italia va imputato all'incirca il 35% dell'inquinamento prodotto nel Paese: questo perché sette edifici su 10 sono stati realizzati prima del 1976, anno in cui fu firmata la prima legge sull'efficienza energetica.

 

LA DIFFERENZA GEOGRAFICA - Scorrendo i numeri dell'analisi di Immobiliare.it si vede come la percentuale di annunci con certificazione valida sia molto diversa da Nord a Sud. Il Trentino Alto Adige, da sempre molto attento alle tematiche green, può vantare ben l'80% di unità immobiliari certificate; a seguire si trovano il Veneto (62%), la Valle d'Aosta (58%) e la Lombardia (57%); agli ultimi posti di questa classifica la Puglia (24%), la Sicilia (23%) e la Basilicata, dove hanno un documento valido di attestazione dei consumi appena il 19% delle proposte.

 

 

 

Fonte SoldiWeb.com