Le Spese spiegate ai Condomini: Cos'è la manutenzione dell'estintore?

La risposta è nella norma UNI 9994

 

Un estintore deve avere in dotazione un cartellino di manutenzione che documenti gli interventi effettuati; esso deve obbligatoriamente riportare almeno le seguenti informazioni:
- numero di matricola
- ragione sociale, indirizzo completo del manutentore
- massa lorda dell'estintore
- carica effettiva
- tipo di operazione effettuata
- data dell'intervento
- firma o punzone del manutentore

 

La fase di sorveglianza consiste nel controllare con costante e particolare attenzione l'estintore verificando ad esempio che sia presente e segnalato con apposito cartello (D. Lgs. n. 493/ 96); che sia chiaramente visibile, immediatamente utilizzabile e che l'accesso sia libero da ostacoli, che non sia stato manomesso e che l'indicatore di pressione, se presente, indichi un valore di pressione compreso all 'interno del campo verde, ecc.

 

La fase di controllo, che va eseguita da personale qualificato, consiste nel verificare l'efficienza dell'estintore eseguendo, oltre a quanto previsto per la fase di sorveglianza, le seguenti operazioni:
1) Controllo del tipo e dell'idoneità dell'agente estinguente in funzione delle aree da proteggere;
2) Verifica mediante pesata della carica dell'estintore
3) Verifica della pressione dell'estintore
4)Compilazione del cartellino di manutenzione con punzonatura della data di effettuazione del controllo.
In sostanza deve essere effettuata la completa e corretta funzionalità senza tuttavia procedere a prove di funzionamento.
La frequenza dei controlli deve essere semestrale e gli interventi devono essere eseguiti da personale qualificato e devono essere annotati sulla apposita scheda del REGISTRO DEI CONTROLLI.

 

La revisione consiste nel controllare e rendere perfettamente efficiente l'estintore tramite l'esecuzione di accertamenti quali ad esempio:
1) Verifiche di cui alle fasi di sorveglianza e controllo;
2) Esame interno dell'apparecchio;
4) Esame e controllo funzionale di tutte le parti ;
5) Controllo di tutte le sezioni di passaggio dell'agente estinguente (tubo pescante, tubi flessibili, raccordi, ugelli) per verificare che siano liberi da incrostazioni, occlusioni e sedimentazioni;
6) Taratura e/ o sostituzione dei dispositivi di sicurezza contro la sovrapressione;
7) Ricarica e/o sostituzione dell'agente estinguente;
8) Montaggio dell'estintore in perfetto stato di efficienza
9)Compilazione del cartellino di manutenzione con punzonatura della data di effettuazione della revisione.

 

La frequenza con cui eseguire le operazioni previste per la fase di revisione, con l'indicazione del tempo massimo di revisione con sostituzione della carica, è la seguente:
Estintore a polvere 36 mesi
Estintore da acqua 18mesi
Estintore a CO2 60 mesi.

 

Il collaudo, infine, consiste nella verifica della stabilità del serbatoio secondo la legislazione vigente in materia di attrezzature in pressione.
La data del collaudo e la pressione di prova devono essere riportate sull'estintore in modo ben leggibile e duraturo.