Titoli edilizi, in condominio solo con autorizzazione

I titoli edilizi non possono essere rilasciati senza il consenso del condominio. Lo ha affermato il Consiglio di Stato con la sentenza 5128/2012.

 

Il CdS si è pronunciato sul ricorso presentato da un condomino al quale il Comune aveva negato il rilascio della concessione edilizia per la realizzazione di un abbaino al secondo piano sottotetto.



L'opera sarebbe servita ad ottenere una migliore illuminazione dell'immobile, ma la domanda era stata ugualmente rigettata per la mancanza del consenso scritto del condominio e di una verifica sulla cubatura ammissibile e sulle distanze tra gli edifici.



Il condomino proprietario dell'immobile aveva in seguito presentato ricorso contro la decisione del Comune, affermando che in caso di recupero dei sottotetti legalmente esistenti e usati come abitazioni sarebbe stata possibile la realizzazione di abbaini destinati a un migliore godimento del bene, anche senza l'autorizzazione condominiale.



Il Consiglio di Stato ha però respinto il ricorso sostenendo che il Comune, prima del rilascio del titolo abilitativo, deve verificare il rispetto dei limiti privatistici.



Nel caso esaminato, l'opera avrebbe inciso sul tetto dell'edificio, che è una parte comune, non solo dal punto di vista materiale, ma anche da quello architettonico.
Per la realizzazione dell'abbaino si sarebbe inoltre utilizzata parte della volumetria residua cui aveva diritto il condominio. Motivi che hanno spinto il CdS a respingere le richieste del singolo condomino.

 

 

 

Fonte EdilPortale.it