Riforma Condominio: così le Maggioranze Assembleari

Oggi, mercoledì 7 novembre, la commissione Giustizia del Senato, convocata in sede deliberante, torna a discutere del Ddl di riforma del condominio e potrebbe esserci un balzo in avanti.

 

Infatti, il testo già approvato dalla Camera, diversamente da come si riteneva nelle settimane scorse, potrebbe passare senza ulteriori modifiche. Se così fosse, si superebbe la necessità di un ulteriore passaggio a Montecitorio con il rischio di nuovi interventi correttivi che a quel punto significherebbero uno slittamento della riforma alla prossima legislatura.

 

Il relatore Mugnai che nelle settimane scorse si era rammaricato per la scomparsa delle parti più incisive della riforma, ora apre ad una approvazione del testo: "È possibile che venga votato così com'è, prendendo il buono di ciò che è stato fatto finora e posticipando gli interventi correttivi alla prossima legislatura". Secondo quanto riferito infatti il Pd sarebbe disponibile a non fare modifiche, e se si raccogliesse un uguale indirizzo del Pdl i giochi potrebbero essere fatti.

 

 

 

Fonte ImpresaMia.it