Sicurezza in Casa: meglio cambiare spesso Serratura

Sulle serrature il lavoro dei tecnici è incessante. Perché senza sosta procede lo studio degli stratagemmi per scassinarle.

 

«Pochi anni fa sono comparsi ad esempio nuovi grimaldelli, più sofisticati, in grado di aprire le serrature a doppia mappa, quelle che la gente identifica come serrature sicure, dotate di lunghe chiavi - racconta Rocco Fusillo, presidente Ersi (Esperti riferme e serrature Italia) - così abbiamo esposto i problemi ai produttori, che hanno apportato alcune modifiche, per offrire maggior sicurezza».

 

 

Ma l'interrogativo dei proprietari di casa rimane: doppia mappa o cilindro (dall'aspetto più simile alle serrature "tradizionali", ndr)? Sono queste infatti le due tipologie di base in cui si dividono le serrature per porte blindate. «Dovessi scegliere, preferirei averle entrambe», dice Fusillo. Mentre il costo della doppia mappa, a seconda di dimensioni e marca, escluso il lavoro di installazione, oscilla tra i 150 e i 300 euro, molto più larga è la variazione di prezzo dei cilindri, che dispongono di diverse tecnologie. «Il cilindro offre un sistema di codifica e resistenza alla manipolazione superiore alla doppia mappa, e ha il vantaggio di poter essere sostituito con molta facilità, consentendo di alzare il livello di sicurezza nel corso degli anni».
I cilindri possono essere meccanici, magnetici, elettronici e meccatronici. Per i primi, un buon livello di sicurezza si ottiene con una spesa di 200-250 euro, installando prodotti conformi alla norma EN 1303, che superano i test di usura, forzatura e manipolazione. In ogni caso, meglio prevedere un defender, cioè la protezione esterna da strappo o perforazione, che costa intorno ai 60 euro. Una garanzia di controllo della duplicazione è data inoltre dalla tessera di proprietà che si accompagna ad alcuni cilindri: una sorta di carta d'identità del sistema, da presentare per ottenere duplicati di chiave presso un centro autorizzato.

 

 

Salendo di prezzo (5-600 euro), si trovano cilindri più sofisticati, magnetici o elettronici: per questi ultimi l'apertura è affidata a badge o chiavi a contatto. I meccatronici (tra 900 e 1.500 euro) combinano invece un cilindro meccanico a una codifica elettronica. «Il vantaggio è che - fa notare Fusillo - in caso di smarrimento della chiave si può ricodificare il sistema senza sostituire i cilindri».

 

 

Un buon cilindro, abbinato a una serratura a doppia mappa di nuova generazione, garantisce quindi un'ottima difesa. Esistono poi sistemi molto più complessi per il controllo degli accessi, con centraline che gestiscono tastiere con codice pin o lettori biometrici (di retina o impronta digitale, ad esempio), richiesti nelle abitazioni di fascia alta. (D. Aq.)

 

 

Fonte Il Sole 24 Ore